Engineered For Your Success

26.02.2020

Una storia di innegabile successo

I gestori di impianti di estrazione e lavorazione mineraria sono costretti ad affrontare la grande e inevitabile sfida legata all’accumulo di acque minerarie e del sottosuolo che si genera durante i processi produttivi, e il cui scarico può comportare complessità legate all’elevato contenuto di solidi sospesi. Questo problema comune all’intero settore è stato risolto in una miniera della Uchalinsky GOK JSC che è ricorsa all’uso di centrifughe e decanter Flottweg.

uchaly_04

La Uchalinsky GOK JSC è una società con sede nella Repubblica del Baškortostan (Russia) che lavora minerali di solfuro di rame-zinco applicando metodi di estrazione all’aperto e sotterranei e produce oltre il 65% (due terzi) di concentrato di zinco in Russia.

Le attività di questo impianto devono svolgersi avvalendosi di tecnologie che assicurino il più possibile il rispetto dell’ambiente. La situazione ecologica della regione, in particolare il terreno dissestato e le difficili condizioni meteorologiche, non è sempre invitante in termini ambientali. In effetti, il terreno e le condizioni meteo possono rappresentare una seria minaccia, una realtà che nel 2006 rese necessaria una modernizzazione del sito minerario della Uchalinsky GOK JSC e dei suoi impianti di depurazione delle acque reflue per un costo di oltre 10 milioni (11,1 milioni di US$).

L’investimento fu necessario per l’acquisto di 16 decanter verticali. Durante la fase di avvio del progetto, la Uchalinsky GOK JSC si trovò ad affrontare una serie di problemi quali:

  • un basso livello di chiarificazione dell'acqua neutralizzata durante la rimozione del fango di idrossido metallico dalle acque reflue e il suo trasferimento nel bacino idrico
  • intenso “overgrowing” di depositi di gesso nell’acqua e nei fanghi trattati in numerose condotte, nonché all'interno degli impianti di trattamento delle acque reflue e dei collettori di scarico
  • un ridotto tasso di depurazione dei solfati e dei solidi sospesi

 

A fronte di tali condizioni avverse, la società giunse alla conclusione che sarebbe stato nel suo interesse dare vita una ricerca attiva di tecnologie di moderna concezione da implementare negli impianti di trattamento delle acque reflue, di estrazione e lavorazione. Prese così avvio una ricerca a tutto raggio che sarebbe durata più anni e che nel 2013 avrebbe dato anche vita a una partnership tra Uchalinsky GOK JSC e Flottweg.

Quale parte di questa partnership, a Flottweg fu affidato l’incarico di risolvere il problema dello smaltimento dei fanghi dopo la neutralizzazione delle acque minerarie e del sottosuolo per un totale di 1.500–1.800 m3/giorno, nonché di generare ulteriori volumi di acqua operativa. Dopo lo svolgimento di vari test, gli ingegneri dell’impianto ritennero le macchine Flottweg la migliore soluzione per fare fronte alle attività operative critiche.

Le centrifughe furono scelte per l'applicazione, poiché facili da gestire e a ridotta assistenza tecnica rispetto ad altre tecnologie di disidratazione. La decisione della società di estrazione mineraria fu guidata da questi e altri vantaggi. La Uchalinsky GOK JSC optò infatti per le centrifughe Flottweg grazie agli evidenti vantaggi che potevano offrire rispetto ai nostri concorrenti, in particolare:

  • ridotto fabbisogno di spazio dei macchinari
  • struttura chiusa
  • aumento della quantità di prodotto utile estraibile
  • lunghi intervalli di manutenzione
  • tempi di inattività minimi
  • nessuna necessità di ulteriori materiali di consumo o componenti ausiliari

 

Come parte del progetto, sono stati installati due decanter Flottweg C7E-4/454 HTS. I risultati sono stati positivi ed evidenti. Nell’arco di poco tempo, le soluzioni Flottweg hanno contribuito a ridurre la quantità di rifiuti riciclabili e i costi di smaltimento da quattro a otto volte, migliorando al tempo stesso la qualità delle acque reflue cariche di metalli pesanti.

Secondo il signor Z.R. Gibaddullin, direttore generale di Uchalinsky GOK JSC: “Prima dell’introduzione dei due decanter, sono insorti alcuni problemi di natura tecnologica che sono stati risolti con successo grazie alle macchine Flottweg. A fronte di questi risultati abbiamo deciso di acquistare una terza macchina e intendiamo integrare altri sistemi Flottweg nei nostri processi operativi.”

 

Al momento sono operative due centrifughe C7E e l'installazione di una terza è stata portata a termine di recente. Tenendo conto del volume neutralizzato di acque minerarie e del sottosuolo, le macchine Flottweg trattano 50–80 m3/h di fanghi oltre a 1500 m3/giorno di acqua depurata recuperabile.

 

O.N. Danilov, responsabile ambientale della Uchalinsky GOK JSC, riferisce una sintesi sul miglioramento delle attività operative all’interno dell’impianto: “Le soluzioni Flottweg sono state all’altezza del compito per cui mi sento di poter raccomandare questi macchinari ad altri professionisti del nostro settore industriale che si trovano ad affrontare sfide di questo genere.”

  Vai al modulo di contatto   +39 051 60545 11   Contacts worldwide